Via Crucis

PREGHIERE DI INIZIO.

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
Amen.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Riviviamo con Gesù le ultime ore della sua vita, ripercorrendo spiritualmente la strada del Calvario. Gesù ha sofferto ed è morto per noi, per liberarci dal peccato e per ridonarci l’amicizia con il nostro Padre del cielo.
Iniziamo questa nostra meditazione sulla passione di Gesù con un sincero atto di
dolore (pausa di meditazione).

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
dona a noi la pace.

O Dio nostro Padre, donaci di celebrare con fede i misteri della passione di Gesù tuo
Figlio, perché possiamo crescere nell’amore per te e per il prossimo.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

I STAZIONE
GESÙ È CONDANNATO A MORTE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Dopo averlo arrestato, i Giudei condussero Gesù al pretorio di Pilato, perché fosse condannato a morte. Pilato non trovo in lui nessuna colpa e voleva liberarlo. Ma i giudei gridavano: “Crocifiggilo!”. Disse loro Pilato: “Che male ha fatto?”. Essi risposero gridando ancora più forte: “A morte, sulla croce!”.
Pilato, visto che il tumulto della folla cresceva, si lavò le mani di fonte al popolo, dicendo: “Io non sono responsabile della morte di quest’uomo. Prendetelo voi, e mettetelo in croce”. E consegnò loro Gesù.

Abbi pietà di noi, Signore!
Abbi pietà di noi, Signore.
Tu che non sei venuto per condannare ma per salvare.
Abbi pietà di noi, Signore.
Tu che hai dato la vita per i tuoi amici.
Abbi pietà di noi, Signore.
Vittima innocente per i nostri peccati.
Abbi pietà di noi, Signore.

O Padre,
tu hai tanto amato il mondo,
da dare per noi il tuo unico Figlio.
Donaci di comprendere
la gravità del peccato
e le esigenze dell’amore.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

 

II STAZIONE
GESÙ PRENDE LA CROCE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Dopo la condanna a morte, i soldati si fecero attorno a Gesù e gli misero sulle spalle un
manto rosso; intrecciarono una corona di spine e gliela posero in capo; gli misero una
canna nella mano destra, come uno scettro regale.
Poi, piegando il ginocchio, lo deridevano dicendo: “Salve, o Re dei Giudei!”. E gli
sputavano addosso e lo percuotevano sulla testa.

Abbi pietà di noi!
Abbi pietà di noi.
Cuore di Gesù, disprezzato e umiliato.
Abbi pietà di noi.
Cuore di Gesù, ferito dai nostri peccati.
Abbi pietà di noi.
Cuore di Gesù, paziente e misericordioso.
Abbi pietà di noi.

Dio onnipotente,
Cristo, tuo Figlio, ha sofferto per noi
lasciandoci un esempio.
Donaci la forza
di prendere la nostra croce ogni giorno
e di seguire con fedeltà il nostro Salvatore.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.

 


III STAZIONE
GESÙ CADE LA PRIMA VOLTA
SOTTO LA CROCE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Il profeta Isaia aveva visto il Salvatore degli uomini carico dei nostri peccati, sfigurato
dalle nostre cattiverie, schiacciato dal peso delle nostre colpe.
Umiliato e sopraffatto dal peso di tante iniquità, più ancora che sfinito dai patimenti
della flagellazione e coronazione di spine, Gesù cade al suolo privo di forze.

Perdona, Signore!
Perdona, Signore.
Le nostre cadute nel peccato.
Perdona, Signore.
Le mancanze di carità.
Perdona, Signore.
Le debolezze e le impurità.
Perdona, Signore.
Le negligenze nei nostri doveri.
Perdona, Signore.

O Dio onnipotente,
tu ci hai amato per primo,
mentre eravamo ancora peccatori.
Concedi a noi la tua forza,
per sollevarci dal peccato
e vivere nella tua grazia.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

 


IV STAZIONE
GESÙ INCONTRA SUA MADRE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Il vecchio Simeone aveva predetto alla Madre di Gesù i momenti dolorosi della sua
passione: “Una spada ti trapasserà il cuore”. La Madonna ricordò quelle parole quando
incontrò il suo divin Figlio, reso tutto una piaga.
Ma accettò questa sofferenza per amore nostro, per contribuire alla nostra salvezza.

Prega per noi Maria!
Prega per noi Maria.
Perché possiamo conservarci
fedeli al tuo Gesù.
Prega per noi Maria.
Perché sappiamo condividere
le sofferenze dei fratelli.
Prega per noi Maria.
Perché le nostre prove
ci facciano crescere nell’amore.
Prega per noi Maria.

O Padre,
tu hai voluto associare la Vergine Maria
alla passione del tuo unico Figlio.
Concedi a noi
che partecipiamo alle sue sofferenze
di giungere con lei alla gioia della
risurrezione.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.


V STAZIONE
GESÙ È AIUTATO DAL CIRENEO.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Nell’uscire dalla città per salire al Calvario, i soldati che conducevano Gesù si imbatterono
in un uomo di Cirene, chiamato Simone, e lo requisirono perché aiutasse Gesù a portare
la croce.

O Gesù aiutaci a portare la tua croce!
O Gesù aiutaci a portare la tua croce.
Nelle difficoltà e nella lotta per essere buoni.
O Gesù aiutaci a portare la tua croce.
Quando sopraggiunge lo scoraggiamento.
O Gesù aiutaci a portare la tua croce.
Perché possiamo essere tuoi collaboratori
coraggiosi nell’annuncio del Vangelo.
O Gesù aiutaci a portare la tua croce.

Signore Gesù,
tu hai accolto con riconoscenza
l’aiuto di Simone il Cireneo
nel portare la croce del tuo supplizio.
Concedi a noi la grazia
di portare con gioia
la croce del tuo servizio
e di confortare con la nostra carità
le sofferenze dei fratelli.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli
Amen.


VI STAZIONE
GESÙ RICEVE LOMAGGIO
DELLA VERONICA.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Il volto del Signore è tutto coperto di sangue, di sputi, di sudore, di polvere. Così lo aveva
visto il profeta Isaia: “E’ disprezzato come il più miserabile degli uomini, uomo dei dolori,
sfinito dalla sofferenza; sembra un lebbroso, umiliato e percosso dalla giustizia di Dio”.
Alla vista di questo doloroso spettacolo una donna commossa esca dalla folla, si avvicina
a Gesù e terge il suo volto con un candido lino.

Ti vogliamo consolare, Signore!
Ti vogliamo consolare, Signore.
Della noncuranza e del disprezzo degli uomini.
Ti vogliamo consolare, Signore.
Delle bestemmie e dell’indifferenza.
Ti vogliamo consolare, Signore.
Del tuo volto sfigurato nei poveri e oppressi.
Ti vogliamo consolare, Signore.
Del tuo volto sfigurato in noi peccatori
Ti vogliamo consolare, Signore.

Dio di infinita misericordia,
hai mandato il tuo Figlio
come un vero uomo
per vincere il nostro peccato.
Per la sua morte e risurrezione
rendi, ti preghiamo,
il nostro volto simile al suo volto di gloria.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.


VII STAZIONE
GESÙ CADE LA SECONDA VOLTA.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Gesù ha veramente preso su di sé i nostri peccati e l’iniquità di tutti gli uomini. Su di
lui Dio ha addossato il nostro castigo; per le sue piaghe noi siamo guariti.
Ma ora la sua anima è triste fino alla morte, le sue forze sono venute meno, ed egli cade
sotto il peso del dolore.

Signore vieni in nostro aiuto!
Signore vieni in nostro aiuto.
Perché possiamo lottare e vincere nelle tentazioni.
Signore vieni in nostro aiuto.
Perché possiamo risorgere quando abbiamo peccato.
Signore vieni in nostro aiuto.
Perché possiamo sostenere quelli che sono scoraggiati.
Signore vieni in nostro aiuto.

Signore Gesù,
tu ci hai lasciato l’esempio,
perché anche noi seguiamo la tua strada.
Conferma in noi i buoni propositi
e sostienici con la speranza della gioia
promessa.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
Amen.


VIII STAZIONE
GESÙ INCONTRA LE PIE DONNE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Sulla strada del Calvario, Gesù era accompagnato da molta gente e da alcune donne che lo compassionavano e che piangevano per lui. Gesù si rivolse ad esse e disse: “Non piangete su di me, ma su voi stesse e sui vostri figli, perché si avvicina il tempo in cui riceverete il castigo per i vostri peccati! Se è così dura la pena che cade sopra di me che sono innocente, che cosa sarà di voi, che siete nel peccato?”.

Abbi pietà, Signore!
Abbi pietà, Signore.
Di tutti gli uomini peccatori.
Abbi pietà, Signore.
Dei disonesti e degli sfruttatori.
Abbi pietà, Signore.
Dei poveri e degli innocenti.
Abbi pietà, Signore.

O Dio,
tu non vuoi la morte,
ma la conversione e la vita dei peccatori.
Ascolta la nostra preghiera,
e per la sofferenza del tuo Figlio
concedi a noi la tua pace.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.


IX STAZIONE
GESÙ CADE PER LA TERZA VOLTA.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Gesù sale al Calvario come un agnello innocente, che non oppone resistenza a chi gli dà la morte. Lui che non ha fatto torto a nessuno, e non ha mai detto parole di menzogna, porta le colpe di tutta l’umanità e paga per noi peccatori. Ma l’intima tristezza di vedersi abbandonato da tutti, anche dagli amici più cari, è divenuta insopportabile, e Gesù ancora una volta si accascia al suolo.

Abbi pietà, Signore!
Abbi pietà, Signore.
Di chi è senza speranza.
Abbi pietà, Signore.
Di chi è tradito dagli amici.
Abbi pietà, Signore.
Di chi è solo nella vita.
Abbi pietà, Signore.
Di chi soffre per un mondo più giusto.
Abbi pietà, Signore.
Di chi è perseguitato per la sua fede.
Abbi pietà, Signore.

O Dio,
conforto di chi soffre
e libertà degli oppressi,
infondi in noi lo spirito del tuo Figlio
e fa’ che ogni uomo
sperimenti la forza e la dolcezza
della tua mano paterna.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.


X STAZIONE
GESÙ È SPOGLIATO DELLE SUE VESTI.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Giunti sul Calvario, i soldati diedero da bere a Gesù vino mescolato con mirra, perché sentisse meno il dolore. Gesù lo assaggiò, ma non ne volle bere, per soffrire in piena coscienza fino alla morte.
Poi gli strapparono di dosso le vesti, riaprendo con terribile spasimo le piaghe della flagellazione, e se le divisero tra loro, tirando a sorte la tunica.

Perdona, Signore!
Perdona, Signore.
La nostra mancanza di generosità.
Perdona, Signore.
Le nostre immodestie e golosità
Perdona, Signore.
L’immoralità della stampa e degli spettacoli.
Perdona, Signore.
I nostri cattivi esempi.
Perdona, Signore.

Signore Gesù,
tu hai amato la tua Chiesa
e hai dato te stesso per santificarla,
purificandola con il lavacro del Battesimo.
Fa’ che ci svestiamo di tutto ciò che è male,
per rivestirci di te.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
Amen.


XI STAZIONE
GESÙ INCHIODATO SULLA CROCE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Era l’ora terza, e lo crocifissero. E sulla croce posero la scritta: “Gesù Nazareno, Re dei giudei”. Con lui crocifissero pure due malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. I giudei che passavano di là e i sommi sacerdoti lo insultavano dicendo: “Hai salvato gli altri, ora salva te stesso! Discendi dalla croce e ti crederemo”. Ma Gesù ripeteva: “Padre perdona loro, perché non sanno quello che fanno”.

Dio santo e immortale, abbi pietà di noi!
Dio santo e immortale, abbi pietà di noi.
O mio popolo, che male ti ho fatto?
Rispondimi.
Dio santo e immortale, abbi pietà di noi.
Io ti ho liberato dal peccato,
e tu hai preparato la croce al tuo salvatore.
Dio santo e immortale, abbi pietà di noi.
Io ti ho reso figlio di Dio nel battesimo,
e tu mi hai tradito e consegnato alla morte.
Dio santo e immortale, abbi pietà di noi.
Io ti ho nutrito con il mio corpo e sangue,
e tu mi hai dato da bere mirra e aceto.
Dio santo e immortale, abbi pietà di noi.

O Dio,
che hai accolto la morte del tuo Figlio
come sacrificio a te gradito,
accoglici nel nostro spirito pentito
e non lasciarci separare da te.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

 


XII STAZIONE
GESÙ MUORE IN CROCE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Verso mezzogiorno il sole si oscurò, e le tenebre scesero su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio.
Presso la croce stava Maria, Madre di Gesù, alcune pie donne, e Giovanni. Gesù, vedendoli, disse a sua Madre: “Donna, ecco tuo figlio!”. E al discepolo prediletto: “Ecco tua madre!”. E da quel momento Giovanni la prese con sé.
Poi Gesù gridò a gran voce: “Padre, nelle tue mani affido il mio spirito”. E, reclinato il capo, spirò.

Anima di Cristo, fammi dono della tua santità.
Anima di Cristo, fammi dono della tua santità.
Corpo di Cristo, portami a salvezza.
Corpo di Cristo, portami a salvezza.
Passione di Cristo, conforta la mia debolezza.
Passione di Cristo, conforta la mia debolezza.
Ch’io non sia mai separato da te.
Ch’io non sia mai separato da te.
Dal maligno che mi assale, difendimi.
Dal maligno che mi assale, difendimi.

O Dio onnipotente ed eterno,
guarda con amore questa tua famiglia,
per la quale il nostro Signore Gesù Cristo
non esitò a darsi nelle mani dei carnefici
e a subire il tormento della croce.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen.


XIII STAZIONE
GESÙ È DEPOSTO DALLA CROCE.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Si era alla vigilia della festa di Pasqua. I giudei chiesero a Pilato che fossero spezzate le gambe ai condannati e ne venissero tolti i corpi, perché non rimanessero esposti in quel giorno solenne. Un soldato, avvicinatosi a Gesù, e visto che era già morto, non gli spezzò le gambe, ma con un colpo di lancia gli trafisse il cuore, e subito ne uscì sangue ed acqua. Poi gli amici di Gesù vennero e staccarono il suo corpo dalla croce.

Acqua del costato di Cristo, lava le mie colpe.
Acqua del costato di Cristo, lava le mie colpe.
Sangue di Cristo, inebriami di te.
Sangue di Cristo, inebriami di te.
O buon Gesù, esaudisci la mia preghiera.
O buon Gesù, esaudisci la mia preghiera.
Dentro le tue piaghe dammi rifugio.
Dentro le tue piaghe dammi rifugio.
Chiamami nell’ora della morte.
Chiamami nell’ora della morte.
Perché io venga a cantare in eterno le tue lodi.
Perché io venga a cantare in eterno le tue lodi.

Signore Gesù,
noi riconosciamo nell’acqua e sangue
il simbolo dei tuoi sacramenti di salvezza.
Concedi a noi, salvai dalla morte eterna,
di servirti con gioia per tutta la nostra vita.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.
Amen.

 


XIV STAZIONE
GESÙ È DEPOSTO NEL SEPOLCRO.

Noi ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Giuseppe di Arimatea chiese a Pilato il permesso di seppellire il corpo del Signore.
Allora prese il corpo di Gesù, lo avvolse con aromi in un bianco lenzuolo, e lo collocò in un
sepolcro nuovo scavato nella roccia. Poi chiuse il sepolcro, rotolando una grossa
pietra all’imboccatura. Vennero pure i capi del popolo, sigillarono il sepolcro e vi misero
un picchetto di guardia.

Abbi pietà di noi!
Abbi pietà di noi.
O Gesù fonte di ogni consolazione.
Abbi pietà di noi.
O Gesù nostro rifugio e nostra pace.
Abbi pietà di noi.
O Gesù salvezza di quelli che sperano in te.
Abbi pietà di noi.
O Gesù nostra vita e risurrezione.
Abbi pietà di noi.

Dio onnipotente ed eterno,
guarda al cuore del tuo Figlio Gesù
e al suo infinito amore per noi peccatori.
Per la tua misericordia
donaci il perdono e la grazia.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

 

PREGHIERE DI CONCLUSIONE.

La passione di Gesù non è finita: egli continua a soffrire nell’umanità sofferente
per il peccato e per l’ingiustizia e anelante alla vera libertà.
Oggi siamo noi, la sua Chiesa, membri del suo corpo mistico, che dobbiamo “completare
in noi la sua passione” per la redenzione del mondo, portando nel nostro cuore e nella
nostra carne la sofferenza di tutti gli uomini.
La morte di Gesù non è la fine, ma si apre sulla risurrezione: la nostra vita è illuminata
dalla speranza che noi, e tutto il mondo con noi, saremo trasformati per essere partecipi
della vita gloriosa del Signore risorto.

Signore Gesù, che sulla croce hai sofferto per noi,
insegnaci a portare ogni giorno la nostra croce.
Tu che hai amato il Padre fino al sacrificio della croce,
aiutaci ad amare Dio con tutto il cuore, facendo la sua volontà.
Tu che hai dato la vita per noi,
aiutaci a donare ogni giorno la nostra vita per i fratelli.
Tu che ci hai salvati morendo sulla croce,
rendici annunciatori coraggiosi del tuo Vangelo di salvezza.
Tu che hai perdonato ai tuoi crocifissori,
aiutaci a perdonare quanti ci fanno del male.
Tu che hai vinto la morte e sei risorto a vita nuova,
aiutaci a diffondere nel mondo la speranza della risurrezione.

Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo.
Amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *